CONTACT US sitemap

Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

igiene-intima-orizzontaleCresce l’attenzione delle nuove generazioni femminili nei confronti della salute e del proprio corpo: più propense a curare alimentazione e benessere psicofisico, tuttavia le ragazze contemporanee dimenticano a volte che anche i genitali esterni femminili necessitano di attenzioni costanti e cure particolari. «La presenza di ghiandole sudoripare, sebacee, annessi piliferi e fonti di germi ne contraddistinguono l’elevata vulnerabilità, ulteriormente accentuata dalla quasi costante copertura dovuta a slip, salvaslip e assorbenti», spiega il ginecologo Filippo Murina, Responsabile del Servizio di Patologia del Tratto Genitale Inferiore all’Ospedale V. Buzzi di Milano. Esistono infatti abitudini e scelte precise che aiutano a preservare il benessere di questa parte del corpo particolarmente delicata e importante. Ecco quali.

LA SCELTA DEL DETERGENTE INTIMO Non sempre si presta la dovuta attenzione. Eppure, «estrema cura deve essere posta nella scelta del detergente intimo: il prodotto giusto è a bassissimo contenuto di schiuma e privo di profumi, tutti elementi che amplificano il rischio di irritazioni ed allergie».

LA BIANCHERIA IDEALE «La biancheria intima ideale è quella di cotone naturale, preferenzialmente bianca, un ulteriore elemento che contribuisce al benessere dei genitali esterni femminili», spiega il ginecologo. L’uso di fibre sintetiche e colorate impedisce infatti una corretta traspirazione e può aumentare il rischio di irritazioni e infiammazioni nella zona genitale.

QUALI LUBRIFICANTI? «Meglio evitare prodotti che non siano espressamente consigliati dal ginecologo o guidati nella scelta dal farmacista; anestetici, lubrificanti e quant’altro, se non appropriati, possono essere fonte di problemi», precisa Murina.

TERAPIE INCOMPLETE Spesso, quando si presenta un problema intimo, l’impazienza e la fretta di risolverlo per liberarsi da sintomi e disagi inducono a interrompere cure e trattamenti non appena si avvertono i primi sintomi di miglioramento. Nel caso delle vulvovaginiti da Candida, per esempio, una delle infezioni intime femminili più diffuse e al tempo stesso meno conosciute (1 donna su 3 in Italia ha sofferto di questo problema nell’ultimo anno, e ben l’80% di esse non è riuscita a diagnosticarne i sintomi per scarsa conoscenza del problema), una su due interrompe la terapia farmacologica prima della sua conclusione, esponendosi al rischio di recidiva. Lo ha messo in luce un’indagine realizzata da GfK Health e commissionata da Bayer in occasione del lancio del nuovo Gyno-Canesten Monodose, un farmaco innovativo, semplice ed efficace, che permette per la prima volta di contrastare l’infezione da Candida attraverso un trattamento localizzato che prevede un’unica applicazione.

Naturalmente presente in tutti gli esseri umani, in condizioni di salute il germe della Candida è una spora dormiente. Quando si attiva diventa patogena e causa sintomi diversi a seconda della sede e dell’organo colpito. Una cura sommaria non porta alla soluzione del problema e circa il 40% delle infezioni sono infatti da Candida recidiva. Il problema è particolarmente diffuso tra le giovanissime: secondo i dati emersi dalla ricerca GfK, la prevalenza dell’infezione da Candida nelle adolescenti sessualmente attive è del 42%.

L'articolo Salute intima femminile: cosa sbagliano le ragazze sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Beauty-image-with-make-up-productsQuando parliamo di trucco è tutto soggettivo.

C’è chi preferisce il rossetto lucido e chi lo preferisce matte, chi ama l’eyeliner e chi invece rimane fedele alla matita, chi si è convertito all’ombretto liquido e chi non rinuncerebbe mai al suo ombretto in polvere. 

Per questo motivo abbiamo dato il via ad una serie di Cosmetic Wars in modo da testare le differenti parti…

E voi? Da che parte state?

ROSSETTO MATTE VS ROSSETTO GLOSS

Rossetto matte: Vernis à lèvres Pop Water di YSL

Rossetto gloss: Volupté Tint in Oil di YSL 

var videoRatio = 0.5636; var playerOverlays = { content : '', overlays: [{ content: '', start : 'loadeddata', end : 'pause' }, { align : "bottom-right", content: '
', start : 'play', end : 'ended' }, { align : "top-right", content: '
', start : 'play', end : 'ended' }, { align : "bottom-left", content: 'Torna al video originale', start : 'play', end : 'ended' }] }; bc('glamourVideo1277759190').overlay(playerOverlays); /* player styles */ var fontStyleObj = {}; fontStyleObj.fontColor = "#FFF"; fontStyleObj.fontFamily = "Helvetica"; fontStyleObj.backgroundColor = "#000"; fontStyleObj.fontSize = "16px"; fontStyleObj.fontAlpha = ".5"; fontStyleObj.progressBarColor = "#cd2229"; bc('glamourVideo1277759190').setPlayerStyle(fontStyleObj); /* player endscren settings */ var cnliveEndScreenOptions = { nextVideoCountdown: 5, videoID: 'ref:gl-5789077463001', playerName : 'Glamour Player Desktop', brandName : 'Glamour', resizable : false, showTornaBtn : true, advUrl : '', liveLink : { label: 'guarda su CNLive' }, cnliveLinkUrl: 'http://www.cnlive.it/brightcovewordpressapi/player-redirect.php' }; bc('glamourVideo1277759190').endscreenEmbed(cnliveEndScreenOptions); function resizeHandler(){ var _video = $('#glamourVideo1277759190'); _video.css('marginBottom', '20px' ); var hg = parseInt(_video.outerWidth()*videoRatio, 10); _video.css('height', hg+'px'); } $( window ).resize(function() { resizeHandler(); }); resizeHandler();

 

OMBRETTO LIQUIDO VS IN POLVERE

Ombretto liquido: SPRING 2018 LIMITED EDITION OMBRE HYPNOSE MINI CHUBBY di Lancome

Ombretto in polvere: SPRING 2018 LIMITED EDITION EYE SUGAR PALETTE di Lancome

var videoRatio = 0.5636; var playerOverlays = { content : '', overlays: [{ content: '', start : 'loadeddata', end : 'pause' }, { align : "bottom-right", content: '
', start : 'play', end : 'ended' }, { align : "top-right", content: '
', start : 'play', end : 'ended' }, { align : "bottom-left", content: 'Torna al video originale', start : 'play', end : 'ended' }] }; bc('glamourVideo1915693641').overlay(playerOverlays); /* player styles */ var fontStyleObj = {}; fontStyleObj.fontColor = "#FFF"; fontStyleObj.fontFamily = "Helvetica"; fontStyleObj.backgroundColor = "#000"; fontStyleObj.fontSize = "16px"; fontStyleObj.fontAlpha = ".5"; fontStyleObj.progressBarColor = "#cd2229"; bc('glamourVideo1915693641').setPlayerStyle(fontStyleObj); /* player endscren settings */ var cnliveEndScreenOptions = { nextVideoCountdown: 5, videoID: 'ref:gl-5789079263001', playerName : 'Glamour Player Desktop', brandName : 'Glamour', resizable : false, showTornaBtn : true, advUrl : '', liveLink : { label: 'guarda su CNLive' }, cnliveLinkUrl: 'http://www.cnlive.it/brightcovewordpressapi/player-redirect.php' }; bc('glamourVideo1915693641').endscreenEmbed(cnliveEndScreenOptions); function resizeHandler(){ var _video = $('#glamourVideo1915693641'); _video.css('marginBottom', '20px' ); var hg = parseInt(_video.outerWidth()*videoRatio, 10); _video.css('height', hg+'px'); } $( window ).resize(function() { resizeHandler(); }); resizeHandler();

 

EYELINER VS MATITA

Eyeliner: GRANDIÔSE LINER di Lancome

Matita: CRAYON KHÔL WATERPROOF MATITA OCCHI di Lancome

var videoRatio = 0.5636; var playerOverlays = { content : '', overlays: [{ content: '', start : 'loadeddata', end : 'pause' }, { align : "bottom-right", content: '
', start : 'play', end : 'ended' }, { align : "top-right", content: '
', start : 'play', end : 'ended' }, { align : "bottom-left", content: 'Torna al video originale', start : 'play', end : 'ended' }] }; bc('glamourVideo483585855').overlay(playerOverlays); /* player styles */ var fontStyleObj = {}; fontStyleObj.fontColor = "#FFF"; fontStyleObj.fontFamily = "Helvetica"; fontStyleObj.backgroundColor = "#000"; fontStyleObj.fontSize = "16px"; fontStyleObj.fontAlpha = ".5"; fontStyleObj.progressBarColor = "#cd2229"; bc('glamourVideo483585855').setPlayerStyle(fontStyleObj); /* player endscren settings */ var cnliveEndScreenOptions = { nextVideoCountdown: 5, videoID: 'ref:gl-5789079264001', playerName : 'Glamour Player Desktop', brandName : 'Glamour', resizable : false, showTornaBtn : true, advUrl : '', liveLink : { label: 'guarda su CNLive' }, cnliveLinkUrl: 'http://www.cnlive.it/brightcovewordpressapi/player-redirect.php' }; bc('glamourVideo483585855').endscreenEmbed(cnliveEndScreenOptions); function resizeHandler(){ var _video = $('#glamourVideo483585855'); _video.css('marginBottom', '20px' ); var hg = parseInt(_video.outerWidth()*videoRatio, 10); _video.css('height', hg+'px'); } $( window ).resize(function() { resizeHandler(); }); resizeHandler();

 

Contenuto realizzato da Maria Cristina De Rosa per Condé Nast Social Academy.

L'articolo Cosmetic Wars sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Un nuovo, prezioso prodotto che coniuga al meglio tradizione e innovazione: il pane viola “Well-Bred” è ricco di antiossidanti, ha una prolungata conservabilità ed è indicato per consumatori con esigenze particolari (intolleranti al glutine, vegani, ipertesi, ecc.). È stato sviluppato dal gruppo di Tecnologie alimentari dell’Università di Pisa, in collaborazione con alcuni ricercatori di Biochimica Agraria, in particolare della laureanda Anna Valentina Luparelli e della dottoranda Isabella Taglieri, coordinate dalla loro professoressa Angela Zinnai.

Sono tre i “super ingredienti” utilizzati dal gruppo di ricerca: il lievito madre, antiossidanti naturali e pectine. Il primo è il più antico metodo di lievitazione al mondo che permette di incrementare sapore, valore nutrizionale e conservabilità del pane, apportando composti probiotici e sali minerali. L’impiego di pasta madre permette anche di ridurre o eliminare la quantità di sale e al tempo stesso ritardare il processo di raffermamento, proteggendolo dalle muffe e dal deterioramento organolettico. Inoltre, questo pane a lievitazione naturale è stato prodotto sostituendo parte della farina con un’equivalente dose di patate viola liofilizzate (Vitelotte) che conferisce al prodotto finale l’insolito colore viola associato a un maggior livello di antiossidanti. Infine le pectine, sostanze naturali contenute nella buccia della frutta, che essendo in grado di assorbire acqua, garantiscono migliore struttura, sofficità e serbevolezza del prodotto finale. Il pane viola non è in vendita, attualmente, ma la sua “formula” può rappresentare una valida base per dar vita a una nuova generazione di prodotti da forno, più sani e in linea con le necessità nutrizionali contemporanee. Il pane viola è stato uno dei progetti che ha partecipato alla finale del PhD+, il corso dell’Università di Pisa che insegna a pensare innovativo e a trasformare le idee in impresa.

(Fonte: Unipi)

L'articolo Well-Bred, il pane viola sviluppato dall’Università di Pisa, con super ingredienti che fanno bene la salute sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

CIN_6449-1024x683

Sofisticate e originali. Le chiome più in voga a Milano sono sempre in cerca della giusta colorazione in grado di mettere in risalto il capello e creare un look unico e di tendenza.

Ecco le tre tendenze colore 2018 imperdibili e adatte a tutti i gusti da sfoggiare in città e in vacanza, per chi non rinuncia a uno stile di classe che non passi mai inosservato. Scopriamo subito le tre nuance bionde, castane e rosse.

CIN_3393-683x1024

Tendenze colore 2018: Peach Ice Blonde

Chi ha una chioma bionda, lo sa. Questa nuance non è semplice né da scegliere né da realizzare perché dietro una tinta bionda c’è molto di più di una semplice colorazione sui toni chiari. Ogni Cliente ha una carnagione e dei lineamenti unici e scegliere il colore più adatto alle proprie esigenze e al proprio stile non è sempre la scelta più facile.

CIN_3064-683x1024

Proprio per questo i nostri professionisti hanno realizzato la colorazione PEACH ICE BLONDE, una nuance perfetta ed estremamente di tendenza per chi desidera sfoggiare una colorazione bionda. Il segreto di questa tinta è l’equilibrio perfetto tra toni freddi e toni caldi, a cui si aggiungono sfumature pescate per regalare al capello uno stile fresco e personale. Ideale per questa Estate 2018!

CIN_2497-683x1024

Tendenze colore 2018: Soft Amber

Di tendenze castane quest’anno ne abbiamo viste davvero tante. Sui toni del cenere o del biondo, caramellate o scurissime. Le amanti del vero castano, qui a Milano, desiderano una chioma riflessata, multi-sfaccettata e in grado di regalare alla chioma un effetto tridimensionale e brillante.

CIN_2407-683x1024

Il capello scuro può tendere a spegnersi o sembrare monotono ed è per questo che nasce la colorazione SOFT AMBER, una nuance che gioca con il castano arricchendolo di sfumature ambrate, che regalano alla chioma scura il giusto contrasto e un gioco di luce semplice ma incredibilmente accattivante in grado di sposarsi con tutti i tipi di carnagione.

CIN_3279-683x1024

Tendenze colore 2018: Auburn hair

Gli auburn hair nascono dal mix delle nuance castano oro e mogano. Il risultato? Un rosso ramato che racchiude in sé i riflessi più caldi del marrone e quelli più chiari del rosso e del biondo. Ideali per chi desidera una colorazione in grado di creare dei veri e proprio punti luce per valorizzare il volto e la chioma, gli auburn hair sono versatili e declinabili a seconda dello stile e delle esigenze della cliente: dalle tonalità più scure a quelle più chiare.

CIN_3289-683x1024

Quali tra queste tre tendenze colore 2018 sono le vostre preferite?

HAIR by Alexim Parrucchieri PH by Cinzia Mele MUA Bianca Marzocchi Dress De Meo Letizia Produzione POISE comunicazione

L'articolo Tendenze capelli 2018: tre colorazioni più in voga a Milano sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Trasformare frequentemente il proprio look è una caratteristica prevalentemente femminile, che spesso si scatena in estate.

Cattura

Photo credits Pinterest

Cambiare taglio e colere dei capelli, in alcuni casi, nasconde in sé qualcosa di terapeutico che aiuta a sganciarsi da pesanti zavorre psicologiche, per liberare fantasia e spontaneità anche attraverso il proprio aspetto fisico.

Quale donna non ha mai pensato che sarebbe stato bellissimo poter sfoggiare la stessa, favolosa chioma della Fata Turchina?

Ebbene, sappiate che ora è il momento giusto per realizzare questo vostro piccolo desiderio.

I capelli blu notte, soprattutto, stanno avendo un enorme successo, anche grazie a star del mondo del cinema o della musica che hanno dato il via a questa tendenza, e a prodotti che si trovano facilmente in commercio, con prezzi accessibili a tutte le tasche.

Il colore blu notte, che allude un po’ al mistero e un po’ a un’amica rock, non è sicuramente per tutti.

In questo caso non è tanto importante il tipo di taglio, quanto la carnagione che deve essere chiara, anche se la natura vi ha regalato capelli molto scuri.

Il blu è un colore profondo, elegante e un po’ fiabesco, che sicuramente rispecchia il carattere forte di chi lo sceglie per tingere i propri capelli.

Tra i molti prodotti in commercio, che possono aiutarvi a cambiare drasticamente e rapidamente il vostro look, ve ne suggeriamo alcuni.

Colorista Washout Indigo di L’Oréal Paris: pensata per una colorazione temporanea dalle nuances pastello, si applica su capelli chiari, biondi, già precedentemente schiariti o con colpi di sole. Il colore svanisce piuttosto rapidamente e in modo graduale, dopo circa 3 lavaggi. In questo modo sarà molto più difficile che quel preciso colore possa stancarvi. Il prodotto non contiene ammoniaca ed è creato con tecnologia Chroma-Cream.

BED HEAD Colour Trip Semi-permanente Blue di Tigi: questo prodotto fa parte di una vasta gamma di colorazioni semi-permanenti. Il blu, in questo caso specifico, ha una tonalità particolarmente accesa. L’applicazione è semplice e sicura, grazie ad una formula delicatissima che rispetta cute e fibra del capello. Il colore resiste nel tempo sfumando gradualmente, ma rimanendo ben visibile fino a 20 shampoo. Le nuances sono miscelabili con altre della stessa linea.

STARGAZER UV, Tintura Semi-permanente Blu: dai colori particolarmente vivaci, le tinte Stargazer sono miscelabili con altri colori, sempre della stessa marca, in modo da poter creare l’esatta tonalità che desiderate. Questi prodotti non contengono né ammoniaca né acqua ossigenata e possono essere applicate su capelli naturali, precedentemente tinti o decolorati. E’ importante sapere che non coprono i capelli grigi o bianchi.

Crazy Colour by Renbow: un prodotto lanciato nel 1977, quando il punk rock è comparso come una tendenza di grande impatto e, proprio per questo, molto amata. Persino le confezioni sono coloratissime e contengono ben 27 colori shock diversi, tra cui potete scegliere quello più in linea con il vostro stile.

Francesca

L'articolo Capelli blu notte: la tendenza di stagione sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Se come me prestate molta attenzione a ciò che mettete sul viso e leggete sempre le etichette per controllare l’INCI dei prodotti, allora saprete sicuramente che il fondotinta bio è da preferire rispetto a quello tradizionale, in quanto privo di siliconi e derivati del petrolio, che chiudono i pori della pelle, impedendole di respirare.

fondotinta bio

Photo credit pinterest – wania77

Usando un fondotinta bio non solo aiutiamo l’ambiente, ma anche la nostra pelle che sarà più sana e più luminosa.

Guida all’acquisto

In commercio si trovano numerose proposte di fondotinta bio con un buon rapporto qualità-prezzo. L’importante è scegliere un fondotinta bio con certificazione e che sia adatto al vostro tipo di pelle.

Leggete con attenzione l’etichetta: se avete la pelle secca, optate per un fondotinta bio che abbia nell’Inci, ai primi posti, oli o cere vegetali; se invece la vostra pelle tende all’effetto lucido, optate per un prodotto meno corposo.

L’offerta è ampia e con il passare degli anni, sta aumentando sempre di più. Pertanto, potrete trovare fondotinta bio liquidi, compatti, cremosi, anti-age, coprenti, per pelli secche e per pelli problematiche.

fondotinta bio

photo credit pinterest – leilalisi

Guida all’uso

Il fondotinta bio dev’essere applicato sulla pelle perfettamente pulita, con una spugnetta o un pennello. Se avete la pelle grassa, fissate il fondotinta con una cipria a base di caolino. Si tratta di un’argilla che, come tale, ha proprietà sebo assorbenti. In questo modo, il fondotinta bio durerà fino a sera.

Importante: Bio non è sinonimo di scarsa qualità. Il fondotinta bio non ha nulla da invidiare ai prodotti di alta cosmesi, che spesso contengono sostanze tutt’altro che naturali e poco rispettose della nostra epidermide.

fondotinta bio

photo credit pinterest – jessicamissirol

L'articolo Fondotinta bio: il trend della cosmesi naturale sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Avere mani curate, si dice, è un ottimo biglietto da visita. E invece le vostre sono sempre in disordine: a mala pena un velo di base trasparente, lunghezze irregolari e pellicine. O ancora: smalto rovinato, scheggiato, spento. Guardate la manicure perfetta della collega e vi chiedete: ma come fa?!

Ebbene, non scoraggiatevi: avere unghie a prova di red carpet è possibile anche nella vita quotidiana, non solo sulle pagine patinate delle riviste. Vi occorrono solo i consigli giusti e un paio di accorgimenti.

Prima di tutto, partiamo dalla routine. La salute delle unghie parte anche dalla loro cura: stendete la crema idratante prima di andare a dormire, eliminate le pellicine e tenete le lunghezze sotto controllo (rigorosamente con la lima di cartone).

Tenete a bada le mani. Evitate di battere con forza le dita sulla tastiera o di usare le unghie come leva per aprire/staccare/tamburellare: alla lunga perderanno forza e risulteranno sfibrate.

Basta poco. Per avere mani in ordine vi basterà seguire i due step precedenti e aggiungere solo un velo di smalto trasparente. Et voilà, con poco sforzo le mani avranno un aspetto curato e in ordine.

Questione di base. Se scegliete di applicare lo smalto da sole, preferite una base mat che vi renderà molto più semplice (specialmente se siete poco esperte) la stesura dello smalto, in particolare quello chiaro come il bianco o il rosa pastello.

La formula giusta. Ebbene sì, anche la densità ha un ruolo importante. Troppo liquido, risulterà striato. Eccessivamente denso, avrà bisogno di molto tempo per asciugare e probabilmente apparirà disomogeneo.

Il top coat è il vostro migliore amico. Non solo renderà lo smalto ultraluminoso ma creerà un film che va a proteggere il colore facendolo durare più a lungo. In commercio ne esistono tanti ma voi preferite le formule ad asciugatura rapida.

Infine, sembra banale, ma si tende a dare per scontato: fate asciugare bene lo smalto. L’ideale sarebbe almeno un’oretta. Chi di voi ha fatto la manicure e poi è andata a dormire trovando, al mattino, i segni delle lenzuola sulle unghie potrà capire.

 

L'articolo Tutti i segreti della manicure perfetta sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

La neo Duchessa del Sussex ha partecipato alle nozze della nipote di Lady D, nonché cugina di Harry e, come da copione la sua presenza ha oscurato quella della sposa. Meghan, infatti, ha indossato un bellissimo abito lungo e morbido, con profondo spacco che lasciava scoperte le gambe, bianco e azzurro, in stile boho-chic di Oscar de La Renta, con tanto di cappellino bianco. Bellissima, ovviamente la sua presenza ha oscurato persino la sposa, ci fanno sapere i tabloid. Che abbia fatto bene Pippa Middleton, lo scorso anno, quando non la invitò alle proprie nozze?

L'articolo Meghan Markle sempre più protagonista sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

La T-shirt bianca “perfetta“? Esiste e finalmente l’abbiamo trovata. Cinque anni fa Justin Bieber dice alla sua stylist Karla (super gettonata a Hollywood): “Vorrei una T-shirt lunga e dal fit giusto”. Karla la cerca in lungo e in largo, ma non la trova. Allora, la realizza lei. Come? Compra alcune magliette basiche di Hanes in taglie maxi, le taglia e le ricuce fino a ottenere il modello ideale da uomo. E tutti lo vogliono, non solo la popstar Bieber. Dopo l’enorme successo, Karla decide di pensare anche a noi donne (evviva!): crea una versione classica, una cropped, un’altra in felpa e un’altra ancora smanicata. E le commenta così: “Queste T-shirt sono fatte per essere indossate-lavate-e-indossate-ancora-e-ancora, fino a quando non diventano perfette come i tuoi jeans preferiti”. Adesso sfoglia la nostra gallery per scoprire la mitica xKarla e gli altri modelli che devi avere quest’estate.

 

 

 

L'articolo Le T-shirt del momento. A partire da quella bianca che hai sempre cercato sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

La Milano Fashion Week dedicata alle collezioni Uomo Primavera Estate 2019 si è appena conclusa, ed eccoci puntuali a raccontarvi le nostre sfilate preferite, i look più belli e le nuove tendenze moda.

Logo Mania. Già amatissima nella moda donna è tornata anche negli outfit maschili per Fendi, nel classico tessuto FF, per Dolce & Gabbana sotto forma di denim jaquard.

Militare. Lo stile uniform con tasconi, bomber, zip e fibbie sale in passerella per Dsquared2, abbinato alla pelle, o con i jeans ricamati per Les Hommes.

Animalier. Roberto Cavalli e Versace reinventano i motivi di rettili e felini con nuances inaspettate o ludici finishing di vernice.

Grunge. È 2.0 la nuova tendenza dell’effetto vissuto nei capi delle collezioni moda primavera estate 2019 di Ermenegildo ZegnaMSGM.

Hi-tech. Tessuti tecnici e tinte fluo è la visione moderna dell’uomo di N°21 e Prada.

Graphic. Le grafiche si “rilassano” negli outfit di maglia a righe di Marni, o nei completi di seta stampata di Giorgio Armani.

Sfoglia la gallery per scoprire i look più belli e le nuove tendenze moda dalla Milano Fashion Week Uomo Primavera Estate 2019.

L'articolo I look più belli e le tendenze moda uomo dalle sfilate primavera estate 2019 sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Trentadue artisti, 32 tavole illustrate, 32 avventure sospese fra mondo fisico e virtuale. E al centro di tutto l’esperienza, quella della “Augmented Reality”, un sogno futuristico che è già realtà grazie alla tecnologia digitale. Aggiungendo informazioni multimediali a ciò che percepiamo normalmente, la Augmented Reality estende la gamma delle nostre sensazioni, utilizzando come filtro un dispositivo mobile, ad esempio uno smartphone. Ecco allora che l’immagine statica di un quadro prende vita e si espande: gli elementi che la compongono cominciano a muoversi e a raccontare un’altra storia, accompagnati dalla colonna sonora dei suoni e dei rumori che arrivano dal telefono.

È stata questa l’esperienza che hanno vissuto in anteprima i visitatori di Reality, Expanded, la mostra pop-up in programma a Milano nello showroom di Slowear, il gruppo veneziano che raccoglie i marchi di abbigliamento Incotex, Montedoro, Zanone, Glanshirt e Officina Slowear.

L’evento, organizzato in occasione della Settimana della Moda in collaborazione con la rivista Wired e con Alchemica, la mostra originale di Augmented Reality creata dallo studio digitale Alkanoids, ha creato un ponte fra moda e tecnologia, regalando idee e suggestioni utili a indicare nuove strade per l’utilizzo della realtà aumentata.

Accanto alle opere degli illustratori, “aumentate” con il supporto di un team di animatori e sviluppatori e fruibili attraverso un qualsiasi smartphone grazie all’applicazione Aria, è stata presentata infatti anche un’installazione dedicata al mondo di Slowear e dei suoi brand, raccontato proprio attraverso l’Augmented Reality.

“Dietro ogni nostro capo d’abbigliamento”, ha spiegato Roberto Compagno, Presidente di Slowear, “ci sono molte storie: quelle dei lunghi e complessi passaggi produttivi, delle persone che ci lavorano, dei marchi e delle idee da cui sono nati. Tutto questo rappresenta il vero valore di Slowear, ma spesso comunicarlo in modo efficace non è semplice. Credo che la realtà aumentata possa essere un modo interessante e coinvolgente per raccontare il ‘dietro le quinte’ dei nostri prodotti”.

“La realtà aumentata è una delle tecnologie che dimostrano quanto sia straordinaria la fase storica che stiamo vivendo. Un’epoca in cui non esiste più distinzione tra analogico e digitale: dalle relazioni alla cultura, dal business alla comunicazione, dal lavoro ai consumi”, ha detto Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia. “Il digitale è ormai diventato un linguaggio universale presente in tutti i nostri giorni, uno strumento per raggiungere ed essere raggiunti costantemente da informazioni che migliorano la vita”.

L'articolo Reality, Expanded: una mostra pop-up sulla realtà aumentata sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Evento dopo evento, continua la bellissima sfilata ‘pubblica’ di Meghan Markle. Ed eccola a un nuovo importante debutto. La Duchessa del Sussex ha varcato per la prima volta la soglia del celebre ippodromo inglese per il Royal Ascot 2018.

Per l’occasione, Meghan ha scelto un raffinato look black and white, composto da un elegante abito chemisier con dettaglio di pizzo firmato (ancora una volta) Givenchy, un nuovo bellissimo cappello realizzato da Philip Treacy e da un paio di pump.

Il Royal Ascot – che ha un dress code ben preciso – è famoso soprattutto per la grande ‘parata’ di eccentrici cappelli che ogni anno cattura la curiosità di tutto il mondo. Ma Meghan nella sua sobrietà era davvero la più bella.

Guardate la gallery dedicata a Meghan Markle al Royal Ascot 2018.

Se invece volete rivedere i momenti più belli del Royal Wedding di Meghan e Harry cliccate qui.

Qui invece trovate tutti i dettagli sull’abito da sposa di Meghan Markle.

 

L'articolo Meghan Markle sceglie un abito Givenchy per il Royal Ascot 2018: tutti i dettagli sul look sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Dopo Shane Oliver di Hood by Air, Renzo Rosso ha scelto Glenn Martens di Y/Project per il nuovo ambizioso progetto Diesel Red Tag. Diesel Red Tag infatti non è una semplice linea di abbigliamento, ma una serie di capsule collection affidate al talento creativo di giovani designer e ovviamente allo spirito visionario di Renzo Rosso. Per presentare questa nuova piattaforma Diesel non ha scelto le maglie rigide di una semplice sfilata, ma una vera e propria art performance che sottolineasse ancora una volta lo spirito unconventional e rivoluzionario che da sempre pervade l’universo di Diesel.

Quando Renzo Rosso mi ha contattato per incontrarmi”, dice Glenn Martens, “ E poi mi a portare a Bregazze per farmi scoprire l’universo di Diesel, non è mi è sembrato vero. Sono cresciuto a Bruges, in Belgio e fin da ragazzo ho indossato i jeans Diesel. Aver lavorato a questo progetto per un marchio iconico così importante, mi ha permesso di esprimere tutta la mia creatività…e poi è la prima volta che seguo un unico concept e lo sviluppo”. Giocata infatti sul claim di Diesel Go with The Flaw, ovvero evidenzia i tuoi difetti (piuttosto che nasconderli), la nuova capsule collection di Red Tag di Martens esalta diversità e personalità.

Magliette cosparse di bottoni, jeans che mutano fit, capi in sheraling e giubbini che si possono trasformare. “Alla base di questa collezione ci sono due concetti fondamentali: individualità e personalità. È una collezione versatile non nel senso gender fluid, ma destinata sia a uomini che a donne ed è composta da sei look proposti in quattro varianti ”, dice Martens, “ Ogni capo si può adattare al corpo di chi lo indossa e il risultato è completamente diverso. È una collezione democratica rivolta a persone di tutte le età fatta di capi che si adattano alle esigenze specifiche di chi li indossa: il classico 5 tasche può diventare sexy e femminile o super maschile, over o super fit…lo puoi portare nella versione classica o casual”.

Glenn Martens, che si è fatto conoscere con la linea Y/Poject e ha già ottenuto il plauso di stampa e buyer, oltre che una notevole schiera di fan e follower, più di 13 mila solo su Instagram, è sicuramente uno dei designer più interessati del momento. La sua moda che è un mix tra casual e street, fonde volumi e sovrapposizioni e crea nuove inaspettate silhouette, riuscendo a delineare il fashion zeitgeist e a piacere a Millenials e a giovani generazioni, come la fantomatica Gen Z, e non abbiamo alcun dubbio che piacerà anche ai meno giovani… quelli che negli anni 90 indossavo già gli iconici jeans Diesel.

L'articolo Diesel Red Tag by Glenn Martens sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Lady Gaga ha sorpreso tutti con un nuovo look sfoggiato agli MTV Award 2018, la Mother Monster si è presentata con un outfit firmato Alexander McQueen e un originale beauty style.

Durante la cerimonia degli MTV Movies & Tv Awards, tenutasi come di consueto a Los Angeles, la pop star è stata premiata con il Best Music Documentary per Gaga Five Foot Two (il documentario sul tour del 2016, in arrivo su Netflix a settembre); ed è salita nuovamente sul palco per assegnare il premio più importante della serata, il Best Movie, a Black Panther.

In occasione degli MTV Award 2018, Lady Gaga ha indossato un total look della collezione Alexander McQueen Autunno Inverno 2018 2019, composto da un top bustier in pelle rossa con bande laterali fluttuanti abbinato a una gonna svasata in chiffon con effetti di trasparenze geometriche e orlo plissé. Gli accessori: maxi orecchini con perle e cristalli, chocker metallico in stile tribale, collanine e multi anelli. Una lunga cintura a segnare il punto vita e un paio di booties bicolor.

Un nuovo beauty look, con un taglio di capelli asimmetrico biondo platino.

Durante il suo discorso, Lady Gaga ne ha approfittato per salutare i suoi fan Little Monsters e augurare a tutti un felice Pride Month.

Guarda il look di Lady Gaga agli MTV Award 2018 nel video qui sotto.

Scopri anche tutti i vincitori degli MTV Award 2018.

 

L'articolo Lady Gaga il look Alexander McQueen agli MTV Award 2018 (video) sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere