CONTACT US sitemap

Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

Olivia Palermo porta un lob che sfiora le spalle leggermente mosso, dall’allure bon ton. La stessa proposta dal brand La Biosthetique, con il suo taglio medio ben definito. E come Olivia Palermo sono tante le celebrities che hanno deciso di soccombere al taglio medio, bob e lob di diversa lunghezza, lisci e mossi, con o senza frangia e ciuffo. Tra i più belli, il wavy lob con frangia di Mila Kunis, il wob di Anja Rubik e Hailey Baldwin, il pixie bob di Jourdan Dunn e Zendaya.

Senza-titolo

Come fare a replicarli? Seguendo i consigli degli hair stylist dei saloni, che nelle collezioni hanno proposto proprio simili hair look. Dal bob mosso e con frangia che ricorda il look effortless chic delle parigine, al pixie bob cortissimo con frangia altrettanto corta. Dal lob mosso con frangia piena al classico caschetto con riga laterale e portato con morbide onde o liscio.

 

L'articolo Bob e lob: copia le star sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Mangiamo cibi più leggeri e sentiamo meno il bisogno del comfort food, ma a compravare il fatto che in estate si dimagrisce più facilmente adesso c’è anche uno studio. La luce nella lunghezza d’onda blu, quella molto intensa di giorno, penetrando nella pelle raggiunge le cellule adipose più superficiali e le fa sgonfiare, mentre d’inverno la minore luce favorirebbe l’accumulo di grasso. L’autore della scoperta è Peter Light, ricercatore presso l’Alberta Diabetes Institute in Canada, secondo cui le cellule adipose sarebbero per l’uomo un orologio perfetto nonché un indicatore che nella fase evolutiva sarebbe servito per accumulare più o meno energia a seconda della stagione e della reperibilità del cibo.

L'articolo Buone notizie per la prova costume, il sole fa dimagrire sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Prendere la metro, andare al lavoro o entrare al supermercato in pieno giorno con delle applicazioni gioiello sul viso o un rossetto blu significa, nel migliore dei casi, attirare tanti sguardi. Anche per questo i festival musicali sono diventati il paradiso delle beauty addicted. Se potessi truccarti e acconciarti senza essere giudicata che stile sceglieresti? Sembra questa la domanda a cui hanno risposto molte ragazze prima di partecipare al Sónar 2018, a Barcellona.

Il metro di giudizio estetico di uno dei festival di musica elettronica, tecnologia e creatività più famosi del mondo, che ha festeggiato il suo 25esimo compleanno, ha criteri tutti suoi e, appunto, molto creativi: l’obiettivo del popolo della notte pronto a scatenarsi anche sotto i raggi del sole (il festival si divide, anche fisicamente, nel Sónar by Day Sónar by Night) è giocare con la propria immagine e stupire.

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

Glitter ovunque, face jewels (applicazioni di strass sul viso), trecce e double bun come vuole ormai la filosofia estetica dei festival (vedi alla voce Coachella), ma anche rossetti blu e viola, polvere di stelle copri-occhiaie, fasce, bigodini (sì, bigodini!) e alcune delle più belle dichiarazioni a favore della bellezza naturale dei capelli afro.

Ispirazioni di stile sono venute anche dai 10 palchi del festival – SonarHall, SonarDôme in collaborazione con Red Bull Music, SonarVillage, SonarComplex, Despacio e SonarXS al Sónar by Day e SonarCar, SonarClub, SonarPub e SonarLab al Sónar by Night – dove, tra le 150 performance, si sono esibite le dj Miss Kittin, Kim Ann Foxman, Kampire, Rosa Pistola, Supernova, Helena Hauff ma anche Simonne Jonas Alo Wala e Cyber.

Nella gallery di seguito alcune delle artiste al festival e sopra alcune tra le nostre spettatrice preferite.

Sfoglia gallery {{imageCount}} immaginiimmagine

L'articolo Le nostre ragazze preferite al Sónar 2018 sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Ingredienti sani e creatività: ecco il duo vincente per sviluppare ricette leggere, digeribili e ad alto tasso di nutrizione. Sono quelle elaborate dalla dietologa e nutrizionista Maria Papavasileiou e proposte nel suo libro “Mangia Smart” (17,90 Mondadori), un manuale che raccoglie piatti salati e dolci, ideali per mantenersi in forma, perdere peso naturalmente e contrastare i più diffusi disturbi legati alla cattiva digestione. Ecco la ricetta per un’insalata stuzzicante di riso nero.

Ingredienti per una porzione 100gr di riso nero, 1 peperone, menta fresca qualche fogliolina, coriandolo fresco un pizzico, 1 cucchiaino di mandorle, 1 cucchiaino di olio evo, 1 lime, sale integrale marino. PREPARAZIONE Fai bollire il riso nero per 30 minuti. Una volta cotto, mescolalo con il peperone lavato e tagliato a pezzetti, il coriandolo, la menta e le mandorle tritate. Emulsiona l’olio con il succo e la scorza del lime e con il sale. Condisci l’insalata di riso e servi. CALORIE: 399 Kcal

 

L'articolo La ricetta per un’insalata stuzzicante di riso nero al profumo di menta sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Elle Macpherson, overo la regina del benessere olistico, autroce del portale wellco.co.uk ha rivelato di mangiare una mousse al cioccolato per colazione, ma non solo. ‘The Body’ ha creato la sua ricetta ultra-sana e leggera che fornisce energia per l’intera giornata. ” Vuoi un pasto completo, nutriente o un ottimo spuntino? Prova questa mousse al cioccolato fatta con WelleCo Super Elixir Greens & Nourishing Plant Protein. Questa è la mia prima colazione estiva quando desidero qualcosa di delizioso ma anche nutriente. È ottimo per aumentare l’energia e i probiotici supportano la digestione e un sano equilibrio del pH intestinale, il che significa che mi sento sana dentro e fuori “, ha dichiarato Elle Macpherson nel suo account Instagram. Gli ingredienti sono:  mezzo avocado , 250ml di acqua minerale fresca , 2 cucchiai di proteine nutrienti al cacao in polvere di The Super Elixir , 1 cucchiaio da tavola di Super elisir Super Greens.

L'articolo La colazione di The Body sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Dal 9 Agosto, online e in alcuni selezionati store, sarà disponibile la capsule collection di lingerie donna Love Stories x H&M (in esclusiva per le lettrici di Vogue.it le immagini della campagna pubblicitaria). Per il colosso svedese si tratta della prima collaborazione in assoluto con un marchio di lingerie.

A catturare l’attenzione di Pernilla Wohlfahrt, H&M Design Director, è stato l’approccio innovativo e creativo del giovane brand Love Stories, nato ad Amsterdam nel 2013. Online ha già registrato un importante successo, trovando consenso per le sue collezione di lingerie che vedono un bilanciato mix& match di stampe e colori. Motivo animalier, stelle, pattern floreali vengono abbinati a tulle e pizzo, per un intimo giovane, fashion e inusuale. Il suo prodotto più famoso è “bralette”, il reggiseno a triangolo che ogni stagione viene declinato con diversi tessuti e colori, e che ritroveremo anche nella capsule collcetion Love Stories & H&M.

Per l’occasione, abbiamo incontrato la fondatrice e designer, Marloes Hoedeman che si ha raccontato questa sua nuova esperienza.

Marloes Hoedeman

Come è nata la collezione Love Stories x H&M? Tutto è iniziato in modo molto semplice e spontaneo: H&M ha dimostrato interesse per le mie collezioni di lingerie. Per noi è un’ottima opportunità per farsi conoscere al grande pubblico, noi siamo nati nel 2013, mentre H&M ha una distribuzione capillare.

Qualche dettaglio della capsule collection… È una limited di soli 20 capi che comprende lingerie, pigiami, kimono e alcun accessori. Tutto nasce dal concetto Home from Home, quindi indumenti che nascono per essere indossati in casa, senza però rinunciare al gusto e alla moda. Ma non per questo sono necessariamente o solo homewear: la nostra idea è di fare un prodotto trasversale, che piace essere indossato e, perché no, anche mostrato. Abbiamo declinato i nostri indumenti cult per H&M: in quest’occasione abbiamo realizzato delle stampe e dei motivi esclusivi che potrete trovare solo in alcuni selezionati store.

Il vostro pezzo forte è la bralette. È adatto a ogni tipologia di seno?  Sta bene alla maggior parte delle misure di seno, ma non a tutte purtroppo. Utilizziamo spalline sottili e se si ha il seno molto generoso non sono né comode né belle. Le nostre taglie vanno fino alla coppa D ma per venire incontro alle esigenze di ogni donna, stiamo lavorando per realizzare dei reggiseni belli e comodi anche per le taglie più grandi. Esaltare ogni fisicità e far sentir bene le nostri clienti è una priorità.

Cosa pensate della filosofia “Underwear as Outerwear”? Che è arrivato il momento di far vedere la lingerie, fa parte dell’outfit, quindi, per favore, mostratela.

Quanti e quali capi di lingerie dovrebbe avere una donna nel cassetto? Non sono mai abbastanza, ovviamente. Materiali, stampe e forme diverse per ogni occasione d’uso. Direi almeno 20 completi, tutti diversi tra loro.

Nella gallery alcune immagini della collezione lingerie donna Love Stories x H&M e in esclusiva per le lettrici di Vogue.it gli scatti della campagna pubblicitaria

L'articolo Lingerie donna: Love Stories x H&M sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

La personal trainer Megan Roup ha creato il metodo di allenamento The Sculpt Society, che prevede l’uso di sliders (sono come delle pattine su cui appoggiare il piede per farlo scivolare sul pavimento) durante l’allenamento funzionale. In questo modo è davvero impossibile che facendo squats e affondi le gambe si ingrossino, perché come spiega Megan, l’instabilità dovuta agli sliders mette in azione non solo le fasce muscolari principali, ma anche muscoli più piccoli per poter mantenere una posizione stabile. Gli sliders costano 25 dollari e li potete acquistare sul suo sito. In più trovate anche 3 workout per utilizzarli, dagli affondi incrociati ai plank muovendo le gambe.

L'articolo Questi sliders cambieranno il vostro modo di fare gli squat. Senza ingrossare le gambe sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Hai presente quella voglia irrefrenabile di dolci che a volte ti prende e non ti lascia stare finché non l’hai soddisfatta? Ebbene, può avere una ragione fisiologica precisa e soprattutto può essere un vantaggio per la linea. Secondo una ricerca condotta dal Biotechnology and Biological Sciences Research Council, del Regno Unito, e pubblicata sul Journal of Clinical Investigation, quell’impellente voglia di mangiare alimenti ricchi di glucosio e sostanze zuccherine non deve essere attribuita esclusivamente alla golosità di un soggetto, ma è da collegare a un particolare meccanismo del cervello che ricerca maggiori quantità di glucosio (fonte principale di energia utilizzata dalle cellule cerebrali) poiché in quel determinato momento ne è carente.

L’agente determinante, in questo caso, è un enzima chiamato glucochinasi, presente nell’ipotalamo, l’area del cervello che regola le funzioni primordiali del nostro organismo, fra cui la necessità di assumere cibo. Quando i livelli degli zuccheri sono troppo bassi, l’enzima “lancia un allarme” e il cervello comanda all’organismo di introdurne altri nel corpo.

Non solo: dall’esperimento condotto su alcune cavie, gli scienziati hanno scoperto che somministrando glucosio dopo un lungo periodo di digiuno, i topi raggiungevano un livello di sazietà sufficiente più in fretta rispetto a un tipo di somministrazione senza glucosio. Questo risultato dimostrerebbe che assumere cibo ad alto tasso di glucosio prima dei pasti principali sazierebbe più facilmente inducendo a mangiare di meno, aprendo al tempo stesso nuovi scenari nello studio di rimedi conto il “calo di zuccheri” e la tendenza all’obesità. Ciò non giustifica però la golosità tout court, né la tendenza ad eccedere abitualmente nel consumo di dolci. Inoltre, poiché il livello dell’enzima glucochinasi varia da persona a persona, le terapie dovranno essere personalizzate.

L'articolo L’improvvisa e irrefrenabile voglia di dolci ha una ragione scientifica (e benefica) sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

L’uomo curato e sbarbato in stile anni ‘90 sta tornando, mentre la barba hipster andrà sempre più scomparendo. Ad affermarlo è la giovane barber Crystle Ingram, con esperienza nel barber shop milanese Gum Salon. La cosa curiosa è che che Crystle è una donna, una delle poche in un settore a larga maggioranza maschile. “Andando verso un mood ’90, il capello va lasciato crescere, quindi portato più lungo con un effetto naturale evitando sfumature a macchinetta. Per raggiungere questo look è indispensabile l’utilizzo di prodotti per lo styling, che consentono di ottenere un effetto giorno dopo oppure un effetto mare”, ha affermato Crystle.

L'articolo Tendenza uomo: curato e sbarbato sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere