CONTACT US sitemap

Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Vogue Italia celebra Mina: la cover con GiseleVogue Italia celebra Mina: la cover con Gisele

Dedicato a Mina. Il numero di ottobre di Vogue Italia festeggia i 60 anni di carriera della cantante e celebra il suo stile, nelle versione “originale” e nella reintepretazione (tra le altre) di Gisele Bündchen. Su una delle quattro copertine del numero, scattata da Luigi & Iango, è impressionante la somiglianza con Mina della top model brasiliana, che per ricrearne sensualità ed espressioni si è preparata guardando i video dell’artista. Dopo Gisele, verranno svelate nei prossimi giorni sul profilo Instagram di Vogue Italia anche le altre copertine.

«Abbiamo iniziato a lavorare a questo progetto oltre un anno fa, quando la famiglia di Mina ci ha proposto di collaborare in occasione dei suoi 60 anni di carriera», dice Emanuele Farneti, direttore di Vogue Italia. «Abbiamo pensato che sarebbe stato bello celebrare non la Mina cantante, ma la Mina straordinaria creatrice di immagine, e l’impatto che ha avuto sul mondo della moda, del beauty, della cultura pop in generale. Abbiamo così chiesto a una serie di fotografi e stylist, italiani e non, di lavorare sulle sue referenze: ne è uscito un numero monografico di incredibile varietà, a conferma di quanto fertile sia il suo immaginario. La cosa che mi è piaciuta di più? Che l’operazione non ha nulla di vintage, ma è anzi totalmente contemporanea».

Gisele Bündchen/Mina in Dior, che qui vedete in anteprima, è stata fotografata da Luigi & Iango. Lo styling è di Patti Wilson. Crediti. Abito in tulle di seta trasparente ricamato con motivi floreali, bra di maglina multicolore, tutto Dior. Orecchini Jennifer Fisher. Anello, Annika Inez. hair Luigi Murenu. Sulle labbra, Dior Rouge Ultra Rouge, ultra poison. Make-up Daniel Hernandez @ Mlages. Manicure Gina Edwards using Dior Vernis. On set 2B Management.

Casting Piergiorgio Del Moro, Samuel Elllis Scheinman @pg_dmcasting @samule_ellis@DMFashionStudio

 

 

L'articolo Vogue Italia celebra Mina: la cover con Gisele Bündchen sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Natalia Vodianova: Let's Talk!Natalia Vodianova: Let's Talk!Natalia Vodianova: Let's Talk!Natalia Vodianova: Let's Talk!

La supermodella e filantropa Natalia Vodianova si è unita al Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) per contrastare i tabù legati alla salute femminile e alle scelte e i diritti delle donne. Let’s Talk! 2018 è una conferenza di due giorni simile al meeting di Davos che si terrà ad Antalya in Turchia il 25 e 26 Ottobre.

“Esistono già iniziative importanti e si stanno compiendo passi in avanti ma come possiamo accelerare i progressi e far sentire di più le nostre voci?” ci interroga Natalia, madre di cinque bambini, vestita impeccabilmente con una blusa a stampa dalmata e perle Chanel, durante l’incontro con Vogue per un tè pomeridiano a Londra poco prima della sfilata di Burberry.

Ospitato presso il Maxx Royal Resorts Kemer in partnership con la sua piattaforma digitale a scopi di beneficenza Elbi, l’evento è il risultato del suo progetto Let’s Talk! In collaborazione con Flo, l’app che monitora il ciclo mestruale, per il quale Natalia ha registrato una serie di conversazioni con alcune delle supermodelle più note tra cui Izabel Goulart e Emily Ratajkowski allo scopo di sensibilizzare la gente sul tema delle mestruazioni. Questa volta, tra i suoi ospiti vi saranno funzionari governativi, decisori politici e attivisti che si confronteranno su una varietà di tematiche, dalle politiche per le persone con bisogni speciali alla violenza domestica.

Il coinvolgimento di Special Olympics (un movimento sportivo internazionale dedicato a persone con disabilità intellettive) era di grande importanza per Natalia Vodianova. “Vogliamo introdurre anche l’inclusione nel dialogo. Troppo spesso quando si tratta di persone con bisogni speciali, il tema della salute riproduttiva sia delle donne che degli uomini assume contorni assurdi. Il pensiero è che ‘Quelle persone non dovrebbero sposarsi e neppure avere figli’ e la cosa ferisce molto le famiglie di ‘queste persone’ come la mia.” (Oksana, la sorella di Natalia, è una ragazza autistica affetta da paralisi cerebrale).

Le difficoltà legate al ciclo mestruale in zone povere e lo stigma delle mestruazioni rappresentano una tematica che Natalia studia da tempo. Ad oggi, il suo post su Instagram che ha suscitato un maggior interesse è quello in cui posa con un assorbente – “pulito” – in supporto a Arunachalam Muruganantham, il pioniere indiano noto con il nome di Pad Man che ha creato gli assorbenti a basso costo. “Non avevo mai visto una così alta partecipazione degli utenti di Instagram in vita mia. Il 2% scriveva cose del tipo ‘Complimenti, se ne dovrebbe parlare di più. ’ Ma il 98% commentava cose del tipo ‘Dove ti vedremo nel prossimo selfie, sul water? ’”

La reazione l’ha portata a voler esaminare i dati statistici. “Il 75% delle donne che lavora in fabbrica non si reca al lavoro durante il ciclo mestruale, il che significa fino a circa dieci giorni per alcune di noi, l’equivalente di un terzo del mese in cui si potrebbe invece guadagnare uno stipendio.” A cui aggiunge: “Il 45% delle adolescenti in India abbandona gli studi all’equivalente delle scuole medie quando iniziano ad avere le mestruazioni, dal momento che alcune famiglie preferiscono tenere le loro figlie a casa. Le mestruazioni le rendono infatti vulnerabili. Ma la ragione principale è la vergogna. Il 10% delle adolescenti indiane crede che avere le mestruazioni significhi che c’è qualcosa di sbagliato in loro in quanto nessuno ha spiegato loro cosa significhi avere il ciclo”.

“Certo, lottiamo per l’uguaglianza di genere ma stiamo ignorando questo grosso problema dell’imparare a dialogare con il nostro partner e con i nostri figli a proposito della natura femminile,” osserva Natalia. “Siamo prigionieri di queste idee arcaiche che dettano chi siamo e come dobbiamo comportarci. I nostri corpi sono qualcosa di naturale, sono donatori di vita. Questa iniziativa è importante per l’umanità intera.”

Testo di Ellen Burney

L'articolo Natalia Vodianova: Let’s Talk! sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Alice Firman, laureata al Royal College of Art di Londra in Womenswear dopo un BA all’Edinburgh College of Art, ha già lavorato negli uffici stile di Vivienne Westwood, Costume National, Antonio Marras e Gentucca Bini.

Dopo la sfilata di fine anno accademico a Londra, la sua collezione sarà presentata in occasione di Vogue Talents & Who is in Next? a Palazzo Cusani. Ecco in anteprima il video che racconta il suo viaggio interiore e la sua moda.

 

Crediti

Designer: Alice Firman – @alicefirman Film Maker: Giulia Achenza – @c_h_e_n_z_i_a Editor: Federica Intellisano Photographer: Efisio Marras – @roccomarras

Assistant Photo&Video: Elena Muresu – @elenamuresu

Make up: Giuly Valent – @giulyvalent

Hair: Misaki Kato – @misaki_artmakeupandhair

Casting: Giulia Asaro – @thetrueromance Production Assistant: Alice Cigada – @alice.cigada

Starring: Stasia Smerechevska from Wonderwall Management, Romane Stafiniak from Independent Management, Iana Leshukova from Independent Management, Natalia Shakhava from Nologo Management, Tommaso Partesana

13 photosView Gallery

L'articolo Alice Firman: il video sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

by Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nicoby Valerio Nico

CREDITI

Photographer: VALERIO NICO @dawlissh

Stylist: CAMILLA RUMI @camilrum

Make up & Hair: LUCREZIA BIANCHINI @lucreziabianchini_makeupartist

Muse: NADIA TIRELLI BONOMI

Photo Assistant: FRANCESCO MAGGIORE @francesco.magg

About the project

Abbiamo scelto di raccontare Nadia Tirelli Bonomi, un’ importante donna di cultura della società sondriese. Seducente e misteriosa con i suoi deliziosi cappellini, la pudica, vereconda veletta che le cela lo sguardo, i tacchi a spillo, l’elegante silhouette fasciata da trine, pizzi e volant, dai colori velati o traslucidi della seta e del taffettà, è una di quelle figure eteree che sembrano essere uscite direttamente da un romanzo dell’Ottocento.  Nulla di eccentrico o anacronistico in lei, solo il rigore di un canone estetico incarnato in un design unico e irripetibile che si rinnova a ogni nuova sortita per le vie cittadine.

Lo scopo del progetto è stato quello di ritrarre il suo stile eccentrico e aristocratico. A tal fine lo shooting è stato realizzato in parte nella sua casa- scrigno che racchiude il desiderio di un amabile donna che vive il suo tempo nell’ unicità di un culto estetico inconfondibile – ed in parte nell’antichissima biblioteca “Pio Rajna” di Sondrio.

Bio 

Valerio Nico, classe 95’ nasce in una piccola città pugliese, Gioia del Colle. Dopo gli studi liceali si trasferisce a Milano e consegue la laurea triennale in fotografia, la sua più grande passione, presso l’Istituto Europeo di Design.

Nella stessa città lavora come fotografo freelance. I suoi lavori possono essere visti su diverse riviste quali: Wonderland, King Kong, Schön, Hunger, Fucking Young, Kein, Sicky, FGUK ecc.

Il suo approccio alla fotografia consiste in una continua ed incessante sperimentazione che erige la luce a vera e propria protagonista, anche concettuale.

L'articolo Il cigno selvatico sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Richard QuinnRichard QuinnRichard QuinnRichard QuinnRichard QuinnRichard QuinnBurberryBurberryErdemErdemErdemErdemPreenPreenPreenPreenPreenMary KantrantzouMary KantrantzouMary KantrantzouSimone RochaSimone RochaSimone RochaSimone RochaSimone RochaSimone RochaSimone RochaVictoria BeckhamVictoria BeckhamVictoria BeckhamVictoria BeckhamFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastFashion EastJ.W. AndersonJ.W. AndersonJ.W. AndersonMolly GoddardMolly GoddardMolly GoddardMolly GoddardMolly GoddardAlexa ChungAlexa ChungAlexa ChungAlexa ChungAlexa ChungAshley WilliamsAshley WilliamsAshley WilliamsAshley WilliamsAshley WilliamsRyan LoRyan LoRyan LoRyan LoRyan LoRyan LoRyan Lo

Dopo New York, la Primavera/Estate 2019 ha attraversato l’oceano, salendo immediatamente in passerella alla London Fashion Week. Protagoniste soprattutto le acconciature e gli accessori per le stesse. In tema trucco è stato confermato il trend più forte del 2018. Attraverso più di 60 foto, continuiamo a scoprire quali sono le principali direttive beauty della prossima stagione calda.

1. Make up no make up estremo. È questa la tendenza più forte del momento e Londra non fa altro che confermarla. Ancor più che sulle passerelle di New York, qui si sono viste modelle apparentemente non truccate. Solo apparentemente però perché incarnati “naturali” e perfetti si possono ottenere soltanto attraverso un uso sapientissimo di correttori e fondotinta. Da Alexa Chung, da Erdem, da Victoria Beckham.

2. Capelli messy. Qui e là si sono viste capigliature lunghe, sciolte, finto spettinate. Il messy continua a piacere. Da Alexa Chung e da Fashion East, soprattutto.

3. Acconciature accessoriate.  Gli stilisti e gli hair stylist hanno lavorato in simbiosi. Lo styling ha spesso “servito” accessori desiderabilissimi. Come i cerchietti di piume e cristalli portati in serie da Simone Rocha che ha puntato anche su grandi cappelli “velati”. Proprio come ha fatto Erdem. Sotto gli stessi, trecce romantiche o raccolti simili a chignon molto cotonati. Il “modern romance” di Sam McKnight invece si è realizzato attraverso l’uso di fiocchi piatti profilati da piccole frange scintillanti per Ryan Lo. Le cuffie di Mary Kantrantzou hanno nascosto code basse e lisce “half wet half dry”.

4. Treccia e coda forever. Trecce alla francese dal fascino vintage spuntano dai grandi cappelli di Erdem mentre da Fashion East appaiono su alcune teste in forma di boxer braids. Da Preen invece le code sono messy frontalmente, ma legate con un intreccio alla greca posteriormente.

L'articolo London Fashion Week 2018: trucco e capelli, i migliori beauty look sembra essere il primo su Vogue.it.



Continua a leggere

Dal 19 al 24 settembre va in scena la Milano Fashion Week. Sulle passerelle della Settimana della Moda milanese sfilano le collezione donna per la prossima Primavera/Estate 2019 dei grandi brand italiani e internazionali, da Prada ad Armani, da Fendi a Moncler. Ecco tutte le sfilate in calendario, le location degli show, il programma completo, le feste imperdibili e le mostre da vedere, più una serie di consigli per riuscire ad avere i biglietti per accedere agli eventi.Continua a leggere

Continua a leggere

Cosa mangiare per avere capelli belli e sani? Per avere una chioma folta e splendente non basta curarla con i prodotti giusti: un'alimentazione equilibrata, con un adeguato apporto di nutrienti, è un elemento fondamentale per la cura della propria capigliatura: frutta, verdura, uova, legumi, cereali, sono solo alcuni dei cibi da consumare per capelli sani e perfetti dentro e fuori.Continua a leggere

Continua a leggere

Brooklynn e Jace erano due fratelli di 9 e 5 anni ma hanno perso tragicamente la vita nel marzo del 2017 a seguito di un terribile incidente d'auto. I genitori sono ancora straziati dall'accaduto ma si sono dati forza quando hanno ritrovato una lettera scritta dalla bambina, su cui erano annotati tutti i suoi desideri per il futuro.Continua a leggere

Continua a leggere

Vuoi avere una chioma lunga e fluente ma i tuoi capelli sembrano non voler crescere? Niente paura: con i giusti accorgimenti riuscirei a ottenere degli ottimi risultati e capelli sani e forti. Non stiamo parlando di magie, ma di curare il capello nel modo corretto, in modo da stimolare la crescita. Ecco 5 consigli da non perdere se vuoi far crescere i tuoi capelli più velocemente.Continua a leggere

Continua a leggere

Le ascelle scure sono un problema abbastanza comune, anche se in poche ne parlano. Le cause degli aloni scuri sotto le ascelle possono essere diverse: depilazione sbagliata, deodoranti antitraspiranti e non solo. Esistono però dei rimedi e dei consigli per sbiancare le ascelle e ridurre le antiestetiche macchie scure che possono farci sentire a disagio.Continua a leggere

Continua a leggere